La storia dell'Associazione

L’Associazione Italiana di Filologia Germanica (AIFG) riunisce la quasi totalità dei professori e dei ricercatori del Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/15, oltre a docenti di settori scientifici disciplinari vicini, docenti a contratto e dottori di ricerca non strutturati.

L’atto di nascita dell’Associazione Italiana di Filologia Germanica può essere considerato l’incontro che ebbe luogo a Roma nella sede dell’Istituto Italiano di Studi Germanici a Villa Sciarra-Wurts nei giorni 31 maggio-1° giugno del 1974 tra un gruppo di docenti della disciplina. Scopo di questo "Primo incontro dei Filologi germanici" fu, come si legge nel Verbale, "di stabilire un rapporto diretto con tutti i docenti della disciplina e di dare un inizio ad una collaborazione attiva fra le sedi universitarie". Su proposta del prof. Piergiuseppe Scardigli fu stabilito anche di tenere un incontro annuale dei filologi germanici italiani. Da allora l’Associazione Italiana di Filologia Germanica organizza annualmente almeno un convegno scientifico, nell’ambito del quale si tiene anche l’assemblea dei soci. Nel corso dell’ XI° convegno dei filologi germanici tenutosi a Torino nei giorni 25 e 26 maggio 1984, l’assemblea dei soci, presidente la prof.ssa Giulia Mazzuoli, stabilì all’unanimità di costituire l’Associazione Italiana di Filologia Germanica, costituzione successivamente perfezionata a Udine in data 31 maggio 1991 presso il notaio dott. Nicola Chiumarulo con la partecipazione dei soci Anna Maria Luiselli Fadda, Maila D’Aronco, Renato Gendre, Loredana Lazzari e Maria Vittoria Molinari. L’associazione, come si legge nell'atto di costituzione, "ha per scopo la promozione e la diffusione degli studi di Filologia Germanica".